Una terra misteriosa, intensa e poco conosciuta, l’Oman offre spettacolari viste naturali, tra mare e deserto, nelle terre delle “Mille e una Notte”.

Se anche tu stai progettando la tua Luna di Miele ti consigliamo di non perdere i nostri esclusivi e gratuiti Wedding PartyClicca qui per iscriverti ai prossimi appuntamenti.

Terra fiabesca di “Sinbad il Marinaio” e della regina di Saba, il Sultanato dell’Oman è fin dall’antichità un luogo di incontro e scambi tra Oriente e Occidente. Ancora oggi il Paese continua a testimoniare le diverse influenze provenienti da India, Persia, Zanzibar, Portogallo e Inghilterra che si sono alternate e sovrapposte nei secoli: uno straordinario patrimonio che il moderno viaggiatore può ritrovare nei vivaci suq e mercati tradizionali, nei numerosi forti e affascinanti castelli che punteggiano il Paese, per finire con la ‘strada dell’incenso’ lungo la quale sono venuti in contatto mondi lontani e diversi fra loro come Europa, Africa e Asia.

Il Sultanato è uno scrigno di tesori tutti da scoprire, a partire dalla capitale Mascate, che conserva un’atmosfera antica e al tempo stesso moderna, con i suoi musei, le case basse raccolte tra le mura, il porto con i dhow, le imbarcazioni tradizionali, e gli affascinanti suq dove si possono trovare artigianato locale, incenso, stoffe, profumi. Da Mascate si può partire alla scoperta del cuore dell’Oman, il massiccio di Hajar con le sue vette solcate da profondi wadi, che custodiscono villaggi in cui la vita si muove ancora secondo ritmi e tradizioni antichi e dove le coltivazioni di datteri e la raccolta dei petali di rosa profumano l’aria e tingono il paesaggio di delicate sfumature.

Da non perdere

Un viaggio in Oman non può non comprendere una visita al deserto leggendario di Sharqiyah e l’infinito Rub’al-Khali un tempo attraversati dalle rotte carovaniere, e punteggiati da oasi e fortezze.
Nel deserto si possono incontrare le tribù nomadi, fare dune bashing in 4×4 o uscite in dromedario con la guida dei beduini, trascorrere una notte in un accampamento sotto le stelle.

Cosa dire poi dei suoi 3.165 km di coste lambite da spiagge sabbiose e tranquille a sud nella regione di Salalah e da alte falesie a strapiombo a nord nella penisola del Musandam. Gli amanti del mare non
avranno che l’imbarazzo della scelta tra riserve naturali e isole deserte dove ammirare diverse specie di tartarughe, nuotare con i delfini, andare in barca a vela, fare kitesurf o immersioni.

La magia dell’antica rotta dell’incenso

Gli appassionati di cultura troveranno nel Dhofar la strada dell’incenso, un’antica rotta tracciata per il commercio di una resina speciale e dal 2000 è sito Patrimonio dell’Unesco assieme ai falaj, l’astuto sistema
di irrigazione che ha permesso la coltivazione delle terre aride.

L’Oman attrae anche per i suoi eventi sportivi di rilievo internazionale, dalla vela con Sailing Arabia al tour d’Oman in bicicletta, fino ai festival culturali di Mascate e Salalah. Il Sultanato vi aspetta per un viaggio di scoperte, in una terra ospitale che vi farà assaporare tutto il gusto di un mondo che vive sospeso tra Africa e Asia, porta d’accesso ideale all’Arabia felix.

Quando visitare l’Oman

L’Oman è visitabile tutto l’anno. Il periodo migliore va da ottobre a fine aprile, quando le temperature si attestano intorno a un intervallo che va dai 25° e i 30°C. Si può raggiungere dall’Italia con comodi voli giornalieri e offre hotel e sistemazioni adatte ad ogni stile di viaggio, dai resort cinque stelle lusso ai campi tendati del deserto per un’esperienza davvero da Mille e una notte!